Archivio

Archivio per la categoria ‘Argomenti vari’

Bambino!

13 Maggio 2007 3 commenti


Ban Shogo è un giovanissimo (21 anni) studente universitario che la sera lavora in un piccolo ristorante “San Marzano” di cucina italiana in Hakata una cittadina della prefettura di Fukuoka. E’ un cuoco promettente e lo Chef e gli avventori del ristorantino apprezzano molto la sua cucina.
Arrivano le vacanze primaverili all’università e Ban va a lavorare per un breve periodo al “Baccanale” un ristorante italiano di lusso a Tokyo per imparare qualcosa di nuovo e fare esperienza ma li la vita e il lavoro sono molto diversi e Ban si trova a maturare oltre che come cuoco anche come uomo.

Questo è in breve il soggetto di Bambino un interessante telefilm giapponese che va in onda attualmente nell’arcipelago asiatico!

Gli spunti che propone questo bel telefilm sono veramente tanti!
Innanzitutto c’è uno strano mix di cucina italiana e rigore e onore tipicamente giapponesi. La cucina del “Baccanale” è una specie di campo di battaglia dove chi commette un errore viene punito fisicamente (non scherzo, nel primo episodio uno si becca un pugno in faccia dallo chef!!)
Altra cosa interessante è che si parla italiano!!!! Il telefilm è in giapponese ma ogni tanto saltano fuori frasi in italiano e soprattutto le pietanze sono tutte rigorosamente in italiano! La cosa spesso appare buffa. Nel primo episodio lo Chef dice con fare imperioso da samurai, “allora ragazzi, cominciamo a lavorare!” :-)
Ho notato un contrasto (evidentemente voluto) fra la cucina e la sala da pranzo. La cucina è incredibilmente caotica con gente che ordina urla si agita e corre mentre la sala da pranzo è ordinatissima, tutti sorridono e i camerieri si muovono danzando (non scherzo nemmeno questa volta).
Saltano all’occhio in particolare due personaggi a mio parere. Lo Chef che pare uno Yakuza e che, onestamente… non fa un cacchio!!! :-) e il “capo cameriere” Yonamine che ha dei modi incredibilmente educati e nobili al punto che pare essere gay e il povero Ban ogni volta che gli fa l’occhiolino rabbrividisce! :-)

Il telefilm è molto gradevole e per il momento sono riuscito a vedere 3 episodi con sottotitoli in inglese. Il protagonista è un po bamboccio (è un famoso cantante adorato dalle ragazzine giapponesi) e la fidanzata “Eri” che lascia ad Hakata è un pò cessa (potevano sceglierla più carina!!) ma altri personaggi sono ben caratterizzati e le donne del Baccanale beh… ti fanno dimenticare la povera Eri ;-)

Se avete la voglia e l’interesse di cercare questo telefilm… buona visione!

ps. ehm… vi chiederete perché il telefilm si intitola Bambino! Beh… Ban a un certo punto viene soprannominato “Ban bino” dallo Chef e più di frequente verrà chiamato “Bambi”.

Riferimenti: Bambino! su Wikipedia inglese

The Dukes of Hazard

1 Maggio 2007 3 commenti


Continua l’operazione nostalgia!
Ogni giorno verso le 11 su Italia1 va in onda uno dei pezzi storici della televisione degli anni 80, Hazard!
Anche questo meraviglioso telefilm mi riporta indietro di tanti anni. Devo dire che da piccolo non lo seguivo con particolare attenzione e quando lo rividi circa 6, 7 anni fa non mi attirò particolarmente, oggi invece non riesco a perderne un episodio (me li registro e me li guardo la sera).
Per chi non lo conoscesse, Hazard (titolo originale The Dukes of Hazard) è un telefilm americano ambientato in una contea popolata da allevatori piena di strade sterrate sulle quali scorrazzano a tutta velocità i cugini Dukes perennemente inseguiti dallo sheriffo locale (Rosco P. Coltrane).
Gli episodi hanno un plot più o meno costante in tutte le puntate. Il riccone Boss Hogg svolge qualche affare losco protetto dallo sceriffo Rosco, i cugini Bo e Luke Duke scoprono involontariamente i malaffari di Boss e per questo vengono inseguiti per la contea dallo sceriffo e dai vice, alla fine tutto salta all’aria con i cugini Dukes scagionati e Boss che puntualmente se la cava a buon mercato.
Il tutto è molto divertente e goliardico, accompagniato da musiche country e dalle spericolate e spettacolari acrobazie del generale Lee, l’auto di Bo e Luke, una Dodge Charger arancione con la bandiera della confederazione sulla capotta.
Se avete tempo guardate questo divertente telefilm per passare un’oretta in allegria.

Protagonisti

Bo Duke – il cugino biondo
Luke Duke – il cugino bruno
Daisy Duke – la cugina bona :-)
Zio Jesse Duke – lo zio dei cugini Duke
Cooter Davenport – l’amico meccanico
J.D. “boss” Hogg – il ricco amministratore di Hazard
Rosco P. Coltrane – Lo sceriffo
Cletus Hogg – vice sceriffo
Enos Strate – vice sceriffo

Riferimenti: The Dukes of Hazard su wikipedia uk

Quando la mente evade e virtualmente si fa un giro per i meandri dell’idiozia!

23 Aprile 2007 2 commenti


Con questa credo di aver raggiunto il top.
Non sono mai stato particolarmente attratto dal mondo delle chat. Nonostante siano ormai tanti anni che navigo per la rete, quello delle chat è un ambiente che ho frequentato pochissimo.
Ultimamente invece ho cominciato a girare un po per alcune di esse per curiosità. Ho conosciuto diverse persone virtuali più o meno simpatiche, più o meno credibili, più o meno interessanti.
Ma io dico… ci si può prendere una… chiamiamola cotta… in una chat???
Alla mia veneranda età????

Ho conosciuto una ragazza coetanea con la quale in brevissimo ho instaurato un dialogo molto affettuoso. Tutt’e due single (oggi si dice così, una volta si diceva tardoni), tutt’e due evidentemente alla ricerca di un pò di affetto, anche se solo verbale.

Ma alla fine…
1) Ma che ne so di chi c’è dall’altra parte?
2) Abito in un posto tanto bello quanto scomodo e poterla vedere dal vivo è complicato.
3) Non ho più l’età per fare l’adolescente.

Eppure, ogni sera mi connetto e lascio acceso msn nella speranza che si connetta anche lei!!!
Aiutatemi!!! Qualcuno chiami la neuro, la protezione civile, il dottor stranamore…. PLEASE, SOMEONE HELP ME!!!!!

La linea

20 Marzo 2007 1 commento


Ormai l’ho capito!
Sono proprio un gran nostalgico!!
Frugando nella mia memoria mi è comparsa un’immagine del passato che rendeva felici le mie serate incollato davanti alla TV quando ero un piccolo marmocchio rompiballe! :-)
Vi ricordate voi tutti della famosa “linea”?
Era un disegno animato reso famoso dalla pubblicità delle pentole Lagostina. Il suo autore è Osvaldo Cavandoli.
Per chi non la conoscesse, si trattava di un simpatico personaggio, disegnato con enorme semplicità tramite una linea e tutte le sue avventure erano legate proprio a questa linea che tramite il suo autore, si spezzava e si deformava assumendo di volta in volta diversi aspetti. La linea parlava con una voce acuta e si esprimeva in una lingua sconosciuta e farfugliante ma molto intuitiva.
A suo tempo ricordo che ne davano un episodio ogni morte di papa che durava pochi minuti, oggi grazie alla immensa rete telematica si possono trovare una marea di episodi tutti numerati e se ne può fare una scorpacciata!

Che nostalgia gente!!! Vabbè… alla prossima.

PS. Che dispiacere, proprio mentre cercavo un’immagine appropriata per questo post, ho scoperto che il buon Osvaldo Cavandoli è morto pochi giorni fa (il 3 marzo a Milano) all’età di 87 anni. Sono certo che ovunque sia ora, starà facendo divertire qualcuno con la sua linea!

Cecco della botte

7 Febbraio 2007 2 commenti


Beh! Sarà il periodo… ma sto lentamente andando a riscoprire pezzi del passato televisivo che mi fanno ricordare con nostalgia quando la TV era piena di fesserie che però mi divertivano molto.
Il pezzo d’antiquariato di oggi, è un telefilm che hanno mandato su qualche rete privata dispersa molti molti molti anni fa e che a molti probabilmente non dirà nulla!
Il titolo originale è El Chavo del 8, il titolo italiano dovrebbe essere Cecco della botte.
Si tratta di un divertentissimo telefilm messicano degli anni 70 i cui protagonisti sono gli abitanti di uno scalcinato condominio interpretati (grandi e piccoli) da divertenti signori cinquantenni.
Il protagonista è Cecco (Chavo) un bambino (si fa per dire) che pare vivere in una botte. I suoi amici sono Chicco (Quico), Chiqirita (Chilindrina), sor Romeo (Don Ramon) ecc…
Trovare gli episodi in italiano di questa serie è un’impresa impossibile, però la versione originale in spagnolo è rintracciabile.
A presto, bye!
Riferimenti: Sito ufficiale

Welcome back Kotter

21 Gennaio 2007 2 commenti


Come la maggior parte dei miei coetanei (ma quanti anni hai?) vivo molto di nostalgia per gli anni in cui la TV dava cose un tantino più decenti delle attuali e in cui ci si divertiva con cartoni animati, telefilm e Tv-show di qualità.
Giusto qualche giorno fa mi è tornato in mente una meraviglia di telefilm che non vedo ormai da secoli. In Italia era noto come I ragazzi del sabato sera mentre il titolo originale era Welcome back Kotter.
Non so quanti di voi lo conoscano in quanto è passato solo per le reti minori e non era certamente seguitissimo. E’ un telefilm comico degli anni 70 con protagonista il professor Kotter, un giovane insegnante, e la sua classe degli “imbranati” costituita dal peggio della scuola (oltre che, come prassi per gli americani, da una incredibile varietà di etnie). In questo divertentissimo telefilm compare tra gli altri anche un giovanissimo John Travolta che interpreta l’italo-americano Vinnie Barbarino, leader della classe.
Trovare gli episodi italiani è una vera impresa, di recente sono riuscito a trovare le versioni originali e nonostante la difficoltà nel capire appieno i dialoghi l’ho trovato ugualmente spassosissimo.

Alla prossima gente, BYE!

Sfumare nel nero

9 Dicembre 2006 1 commento

Life it seems, will fade away
Drifting further every day
Getting lost within myself
Nothing matters no one else
I have lost the will to live
Simply nothing more to give
There is nothing more for me
Need the end to set me free

Quanto è vicina a questo periodo questa canzone…

Epitaffio

5 Novembre 2006 1 commento

Scrivo un epitaffio
Il mio epitaffio.

Egli visse in cerca dell?amore
Per molti anni si batté per trovarlo
Gli parve a un certo punto che la ricerca fosse finita
E invece per un pugno di giorni di felicità
Dovette patire mesi di angoscia
Una vita magra la sua
Preso in giro dalla vita
Preso in giro dagli eventi
Una vita senza ragione
Non più lacrime da versare
E dire che di energia positiva ne aveva
Aveva tanto da dare
Aveva sentimenti persino a lui sconosciuti
L?affetto che si teneva dentro
La passione repressa
Come in una pressa
Che schiaccia il provino e lo rompe
Giorni passati davanti a un PC
A passioni false che lo illudevano
Abbiate pietà di lui
Che ancora morto non è
Ma che un epitaffio pronto lui ha
Per far capire a tutti
Il desiderio di felicità

Torno solo per urlare il mio disgusto per la vita

30 Ottobre 2006 2 commenti

Quanto tempo dall’ultimo post!!!!

Che posso scrivere?

La vita per me è sempre più complicata e ostica. Credevo un pò di tempo fa di aver finalmente trovato quella tranquillità e serenità mentale che mi avrebbe dato la giusta spinta per poter risolvere tutte le cose con ottimismo, invece sono punto e a capo… o meglio, sto peggio di prima, sono ancora più incasinato di prima.
Allora ecco che alla mia veneranda età mi pongo delle amletiche domande.
To be or not to be?

Mi chiedo ormai da troppi anni chi può avercela così tanto con me per non darmi mai tregua.
Mi chiedo cosa ho combinato di così tanto grave per star perennemente male da tanti anni.
Mi chiedo se mai potrò dire con certezza: “Finalmente sto bene!”

Sinceramente! NON NE POSSO PIU’!!!

La vita mi ha dato il pregio di essere calmo pacato e riflessivo, diversamente a quest’ora sarei già uscito di testa. Però c’è un limite a tutto e se le cose non cambieranno saranno guai!

Scorre la vita
ma non scorre l’anima
Scorre come una strada
sempre più veloce
e li, difronte a me
vedo un cartello
FINE

azz…
è già finita.

La mia Yui-chan

1 Settembre 2006 3 commenti


Agosto è finito…
Il comandante Ikari ha avuto uno dei suoi agosti (si può dire così?) più intensi degli ultimi anni…
Il comandante Ikari credeva di aver conosciuto la sua Yui ma evidentemente non aveva fatto i conti con la follia del mondo che lo circonda.
La sua Yui è bella
La sua Yui è dolce
La sua Yui è affettuosa

Mondo folle!
Il comandante Ikari credeva che ormai la lotta contro il lato maligno dell’umanità fosse vinta…
Tanti dubbi attanagliano la mente del comandante.
La sua Yui è lunatica
La sua Yui è preziosa
La sua Yui è impaurita

Mondo avverso!
Il comandante Ikari prosegue sulla sua strada e cerca ora, recuperando il cinismo che lo contraddistingue, di abbattere i muri che gli angeli hanno posto come ostacolo…
Il comandante Ikari è ottimista
Il comandante Ikari è tenace
Il comandante Ikari è innamorato

Gendo-san! Gambare!!!